Life
Comments 2

Berlino 1989-2014

You are entering the American sector

Mi sono commossa ieri mentre guardavo le immagini dei festeggiamenti per i 25 anni della caduta del muro di Berlino.

Mi ricordo molto bene di quei giorni di cambiamento e grande confusione. Non c’era internet, non c’erano i cellulari, ma i TG e i giornali ci informavano quotidianamente di quello che stava succedendo dall’altra parte del muro.

A quel tempo ero un adolescente e a scuola si discuteva di quello che stava accadendo nel blocco sovietico con passione e anche un po’ di timore. Avevamo seguito con ammirazione Lech Walesa e tutto quello che Solidarnosc era riuscito a fare in Polonia, eravamo stupiti dalla nuova politica introdotta da Gorbaciov. Ci spaventavano le condizioni del popolo romeno sotto la tirannia di Ceasescu.

Eravamo emozionati e  sicuri che prima o poi qualcosa di incredibile sarebbe accaduto. L’attesa non durò a lungo. Era il 9 novembre del 1989, era sera e in tv cominciarono a passare immagini che avevano dell’incredibile. Uomini, donne e bambini cominciarono a varcare i check point che dividevano la Berlino Est da quella Ovest. Correvano, ridevano, piangevano, gettavano le braccia al cielo in segno di ringraziamento. Alcuni trovavano già dall’altra parte amici e parenti che li aspettavano. Grandi abbracci, grande commozione.

Quel che resta del muro di Berlino

Quel che resta del muro di Berlino

E i giorni successivi cominciarono a passare le immagini dei molti tedeschi che picconavano il muro per creare dei varchi e per portarne via alcuni pezzi. Un ragazzo in particolare colpì la mia attenzione. Indossava dei guanti e con il suo scalpello colpiva con tutta la forza che aveva a disposizione il muro.

Il suo volto esprimeva rabbia e felicità insieme, batteva il suo martello insistentemente e immaginavo che dicesse “ti abbatto, muro! ora sono libero, non mi puoi più fermare”. Quel ragazzo, come tanti berlinesi, stava assaporando per la prima volta cosa volesse dire essere libero. E forse in quel momento anche io sono riuscita a comprendere veramente cosa fosse la libertà.

No more walls

Annunci

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...