Life
Comments 2

Ma che fine hanno fatto i Tokyo Hotel?

Oggi vi racconto di come il non dormire quelle belle 6/8 ore di seguito abbia effetti allucinogeni sulla mia testolina.

L’arrivo di Viola, ormai 7 mesi fa, mi ha (anzi per dirla tutta, ci ha!) messo a dura prova. Quel piccolo esserino di meno di 2,5 kg ha sconvolto completamente la nostra vita notturna. 

Prima c’è la poppata ogni 3 ore che, finché è giorno passi, ma la notte ti destabilizza un po’ soprattutto quando decidi che “è l’una, ha appena finito di mangiare, adesso deve rimangiare alle tre, quasi quasi non mi addormento!” Eh, sì, perché volevi fare Wonder Woman, tranne poi cadere come un sasso pochi minuti prima dell’ora X e svegliarsi di soprassalto alle 3.05 e correre a preparare il biberon.

Biberon? Purtroppo sì, questa mamma snaturata è riuscita a produrre nella sua onorata carriera un totale di 20 ml di latte. Insomma avere la terza di reggiseno non è garanzia di allattamento e quindi via di latte artificiale.

Poi le 3 ore di intervallo diventano 4 e poi 5, poi di improvviso la notte non si mangia più e allora riassapori il dormire di seguito, senza risvegli intermedi fino alla 6.00, qualche volta addirittura fino alle 7.00. È come vincere alla lotteria!

La vita ritorna ad essere meravigliosa e tu prendi a lodare quel meraviglioso esserino che, oltre a regalarti gioie tutti i giorni, ti concede di ricaricare le batterie durante la notte. Non lo dici a nessuno perché si sa, quando dici a qualcuno che tuo figlio dorme tutta la notte, poi improvvisamente non lo fa più e tu ti maledici per essertene vantata.

Comunque l’idillio continua per una decina di giorni finché non arrivano loro, violenti ed inesorabili nella vita di ogni bambino: i denti. Ed il momento preferito per torturare le piccole gengive di Viola sono proprio quelle che seguono il tramonto.

Quando pensi che la notte sarà tranquilla, ecco che i dentini cominciano a spingere, a tagliare e la povera patatina si sveglia tra le lacrime.

Solitamente la tregua si estende fino alle 5.00 e poi si tira fino alle 7.00 con carezze e camomilla. Ma qualche volta, stanotte per esempio, loro, i denti, cominciano a spingere e a torturare dalle 3.00. 

E allora la notte è fatta di microsonni di 15 minuti, di chiudi gli occhi apri gli occhi, di sogni che non fanno in tempo ad iniziare e diventano incubi, di realtà che diventa fantasia e fantasia che diventa realtà. 

Poi ti svegli e, mentre controlli se si è riaddormentata, ti metti a fare la lista della spesa che domani non ricorderai, ti riprometti di prendere quell’appuntamento dal medico che poi non prenderai, decidi di cucinare cose che poi non avrai il tempo di preparare.

È così mentre guardi l’orologio e sono ancora le 4.30 e la tua testa vaga tra passato e presente e gli occhi si chiudono e vorresti posare la testa su quel bel cuscino, alla fine  una domanda importantissima fa capolino nel tuo cervello: ma che fine hanno fatto i Tokyo Hotel?

P.S. Non voglio offendere gli estimatori dei Tokyo Hotel. Saranno sicuramente bravissimi, ma io non conosco nessuna delle loro canzoni.

Annunci

2 Comments

  1. Non ti preoccupare, la mancanza di latte deriva da molti fattori. Mia cognata ha tre taglie più di te eppure il primo lo ha allattato normalmente (anche se non cresceva molto per cui penso che il latte ci fosse ma non fosse sostanzioso) mentre con il secondo dopo una decina di giorni è dovuta ricorrere al latte artificiale.
    Per quanto riguarda i Tokyo Hotel ho letto da poco che uno di loro è diventato padre. Ora non mi chiedere chi perché non li ho mai seguiti nemmeno io quindi non saprei. Di loro ricordo solamente il brano intitolato Moonson che era una specie di tormentone.
    Certo che la mente quando è libera vaga in certi luoghi inimmaginabili 😛
    Mchan

    • Oddio! Almeno tu sei riuscita a tirare fuori il titolo di una loro canzone! Io praticamente, a parte il look manga style del cantante, non ricordo niente: il vuoto cosmico!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...