All posts filed under: Life

Una domenica a Castel Gandolfo

La fine delle vacanze mi lascia sempre un grande entusiasmo, accompagnato da una chilometrica lista di progetti da realizzare e propositi. Uno di questi è l’impegno di non lasciarci prendere dalla pigrizia e dalla stanchezza, dal pensiero che tutto si può rimandare. A partire dai fine settimana, spesso trascorsi ad annoiarsi sul divano per arrivare alla domenica sera e dire “avremmo potuto fare quello, saremmo potuti andare in quel posto!”. E così per non lasciare che i buoni propositi andassero nel dimenticatoio, abbiamo accettato un invito last minute per una gita a Castel Gandolfo. Viola, che è già dotata di un innato desiderio di stare in società, si è divertita con i nostri compagni di avventura. La pioggia di sabato ci ha regalato una temperatura ideale per passeggiare lungo le rive del Lago di Albano. C’è chi approfitta della bella giornata per fare un bagno. Ma si sa, passeggiare stimola l’appetito! Quale scusa migliore per un pranzo in una fraschetta vista lago? Dopo il caffè, i nostri passi ci hanno condotto fino al centro di …

Finalmente…Settembre

E così finalmente è arrivato. Ha portato con sé tuoni, fulmini ed un bel temporale, per rinfrescare l’aria e le menti e per lanciare il suo messaggio. L’estate è finita, è ora di ricominciare! Lo aspettavo da tempo, Settembre. Non ne ho ho fatto mai mistero, ma non sono mai stata una grande fan del caldo. Sono pazza dell’autunno, io, del fresco. Aspetto con trepidazione il momento in cui potrò indossare di nuovo maglioni di lana, cappottini e sciarpe. Aspetto che gli alberi, quelli scampati alla siccità di questa lunga e torrida estate, facciano imbrunire le loro foglie e le lascino danzare fino a toccare terra. Aspetto di riassaporare le caldarroste, accompagnate dal vino novello. E come ogni Settembre, sono pronta a ricominciare, quest’anno con un po’ di ansia in più. È arrivato il momento di voltare pagina e cominciare con nuovi progetti. Benvenuto Settembre!

-5…4…3…2…1…0 all’annuale ritornello “quanto sei bianca!”

Mentre mi crogiolo nel soggiorno, al fresco del condizionatore, appunto su un foglio la lista delle cose da mettere in valigia. Ma andrà a finire come sempre, la lista volerà sotto qualche mobile o tra qualche rivista e tutto il certosino lavoro di what-to-pack list se ne andrà a quel paese. Oppure semplicemente ignorerò la preziosa lista perché tanto “ho tutto qui in testa” e dimenticherò la metà delle cose. Prima al mare, poi la montagna, la valigia sarà anche quest’anno double-face: le infradito vicine alle scarpe da trekking e il costume nelle tasche del centogrammi. Ma queste sono bazzecole. Appena arrivati sull’altra costa, c’è una prova da superare per iniziare la vacanza con i migliori auspici. È come un rito di passaggio, una sorte di benedizione. È come avere una parola d’ordine per entrare in un posto segreto. Attendo ogni estate questo particolare momento. Attendo che qualcuno, ogni anno diverso, la pronunci quella frase. Così l’estate passerà senza intoppi. Ed ogni anno è solo una questione di minuti, magari di ore, ma quando meno …

Di Trastevere e di una Renault 4 rossa

L’altra mattina sono andata a Trastevere per una passeggiata. Dovevo incontrare un’amica e insieme abbiamo deciso di vederci a Piazza Sonnino. Che strana sensazione. Mi sono resa conto che non vado mai a Trastevere di giorno. Sono arrivata presto, con i ristoranti ancora tutti chiusi. I camioncini che si incastravano nei vicoli  con i loro rifornimenti di bevande e cibo. Le saracinesche semichiuse dei locali con le pulizie in corso. Il vociare dei bimbi da un asilo della zona. Che bella Trastevere di giorno! Sembra un paese, o forse torna ad essere il paese che un tempo era. Mentre passeggiavo e scattavo qua e là qualche foto mi è tornato  in mente un episodio della mia vita che avevo completamente rimosso e che mi lega indissolubilmente a Trastevere. Era il mio primo giorno a Roma del mio primo anno di università. A quel tempo vivevo con la mia migliore amica e con una ragazza del secondo anno in un appartamento in Via Tiburtina. Era stata una giornata emozionante, i nostri genitori ci avevano accompagnato e …

Twin Peaks ritorna 

Twin Peaks ritorna. Stasera su Sky andrà in onda  la prima puntata della terza stagione di questa serie di grande successo degli anni ’90. Una colonna sonora accattivamente e per molti versi spettrale accompagnava le indagini sull’omicidio di Laura Palmer. Lei, apparentemente perfetta adolescente americana, viene ritrovata morta da un pescatore sulle rive di un fiume. Chi ha ucciso Laura Palmer? Ce lo siamo chiesto per settimane. Ma quello che ricordo bene di questa serie è ben diverso ed è questo che mi fa dubitare se, ventisette anni dopo, mi accingerò a vedere questa terza stagione di Twin Peaks. Adesso mi viene da ridere a ripensarci, ma a me Twin Peaks ha messo una paura da matti! Talmente tanta da essere diventata una di quelle storie che si continuano a raccontare a Natale o alle reunion di amici Da sempre appassionata di thriller, mi ero accostata a questa serie con curiosità e impegno. Avevo anche un certo debole per l’agente Cooper (smorzato poi con la sua figuraccia a Sex and the City) e per lo …

Instantanee da Roma

Vivo a Roma dai tempi dell’università, ma mi sono resa conto solamente di recente che non l’ho mai fotografata. Ho cataste di scatti di momenti e persone, ma mai una delle bellezze romane come sfondo. È proprio vero, quando hai accanto qualcuno o qualcosa di straordinario tendi a prenderli per scontato. Tanto sono sempre lì. Sono meravigliosi, ma ci sembra inutile ricordarglielo continuamente. Da un po’ ho deciso di non dare nulla per scontato. Un piccolo grazie, un apprezzamento, un sorriso in più per ringraziare chi mi sta accanto. E qualche scatto in più per onorare questa bella città, già troppo maltrattata.         Se vi va di seguire le mie avventure romane, seguitemi anche sul mio blog                        A Lady in Rome  

Liebster Award

Anche da queste parti è passato il Liebster Award, un bellissimo premio per il quale devo ringraziare il blog Vienna e dintorni. Con il Liebster Award non si vince nulla di materiale, ma la possibilità per tanti blog di acquisire una maggiore visibilità. E non è forse quello che tutti i blogger sognano? Per partecipare si deve: Pubblicare il logo del Liebster Award sul nostro post Ringraziare e seguire il blog che ci ha nominato  Rispondere alle sue 11 domande  Nominare altri 11 blogger con meno di 200 follower Sottoporre ai blogger altre 11 domande Invitare i blogger a partecipare Ecco le domande che mi sono state sottoposte da Vienna e dintorni: Che cosa ti ha spinto ad aprire un blog? Ho sempre amato scrivere, CiVediamoACena è il mio secondo blog. Il primo l’ho aperto con blogspot nel 2008. Scrivere è diventato il mio lavoro, sono infatti una web content editor e social media manager. Il tuo prossimo viaggio? Il prossimo sarà vicinissimo, Abruzzo e Umbria, ma sto già pensando all’estate! Dove riesci a scrivere …