All posts filed under: Simona ♥

Roma Convention Center - La Nuvola

La Nuvola di Fuksas, #cosebelle a Roma

Se si cerca su google “la nuvola fuksas roma”, oltre alla pagina Wikipedia dedicata, si trova un elenco lunghissimo di articoli su problemi burocratici, tempi dilatati per la realizzazione, critiche di natura artistica, costi esorbitanti. Non ultima la constatazione, tardiva direi, che il posizionamento de La Nuvola è sbagliato e occupa il marciapiede. Insomma sempre la stessa storia che mi auguro possa cambiare al più presto, per restituire a Roma lo smalto che ha perduto negli anni. Ma lasciamo da parte le chiacchiere e le polemiche. Ho sempre avuto una certa curiosità nei confronti de La Nuvola e appena mi si è presentata l’occasione di visitarla, ne ho approfittato, armata di macchina fotografica. Roma Convention Center – La Nuvola Occorre precisare che il nome esatto è Roma Convention Center – La Nuvola. Il complesso è stato progettato dallo Studio Fuksas e i lavori di costruzione sono iniziati l’11 dicembre del 2007. Finalmente il 29 ottobre del 2016 il Roma Convention Center – La Nuvola è stato inaugurato. La Teca Ci si sente molto piccoli una volta entrati all’interno della teca, …

Mercato Centrale, #cosebelle a Roma

È passato un anno dall’apertura di Mercato Centrale a Roma e in questi 12 mesi ci sono passata tantissime volte per mangiare cose buone a pranzo. All’inizio ero un po’ scettica, Mercato Centrale si trova in Via Giolitti, alla Stazione Termini, un’area non troppo sicura e tantomeno pulita. Ma mi sono dovuta ricredere. Ristrutturazione e rinnovamento hanno reso anche  Stazione Termini un luogo più accogliente, con tanti bei negozi da vedere e Mercato Centrale è davvero la ciliegina sulla torta. Certamente è un posto per gli amanti del cibo; ma esiste davvero qualcuno a cui non piaccia mangiare? Mercato Centrale è diventato un appuntamento fisso per i pranzi “chiacchieroni” con la mia amica Claudia, ormai siamo diventate delle vere e proprie specialiste nelle ordinazioni. Dopo aver varcato l’entrata e buttato l’occhio sul totem con la lista delle botteghe presenti, si entra  nel vivo di Mercato Centrale. Da questo momento i nostri occhi e il nostro cervello sono completamente in balia delle prelibatezze in mostra nelle 19 botteghe presenti. Che ne dite delle focacce di Gabriele Bonci? E dei …

Pumpkin spice latte come a Starbucks

Siamo onesti! Finora non è che quest’autunno mi abbia dato grandi soddisfazioni! Io, che amo le sue temperature più fresche, il fatto di poter cominciare lentamente ad indossare golfini di lana, lo spettacolo delle foglie che cadono, il gusto squisito delle caldarroste, ho subito una delusione dopo l’altra. Il golfino di lana è rimasto stropicciato in borsa fino a due giorni fa, le temperature si sono abbassate, ma di così poco che si poteva persino fare il bagno al mare (“e di che ti lamenti?” direte voi), le foglie sono già quasi tutte cadute ad agosto, seccate, ahimè, dalla siccità estiva. E le caldarroste? Anche quelle poco pervenute. Le mie favorite, le Roscette della Valle Roveto, non sono riuscita neanche ad assaggiarle, e quelle che ho preso al supermercato erano costose e poco gustose. Ma certamente c’è qualcosa di più autunnale! Ma certo! C’è la zucca! Peccato che a me la zucca…non piaccia! Lo so, lo so, sacrilegio. I tortelli con la zucca, il pane con la zucca, il minestrone con la zucca, il tacchino ripieno di zucca (…). …

La mia avventura con il chia pudding

Breve storia triste o storia triste? Questo è uno di quei post che potrebbe essere tranquillamente intitolato Breve storia triste, ma come al solito potrei farmi prendere dalla logorrea e dovrei quindi eliminare il breve e lasciare solo storia triste. E sarebbe un peccato perché questo triste darebbe tutto un altro “sapore” alla piccola avventura che mi è capitata in cucina. Lo confesso, spesso mi perdo nel feed di Instagram tra le meravigliose immagini di dessert dai mille colori. Ormai da un paio di estati quelli che vanno per la maggiore sono tutti salutari, molto vegan e a base di superfood. D’altronde anche io ho ceduto alle tendenze del momento ( per la cronaca non sono diventata né vegena né vegetariana, diciamo che mangio in maniera più varia) e ho fatto incetta di semi e cereali vari. Tutta colpa del nuovo Carrefour che sembra diventato l’autogrill degli amanti dei cibi alternativi. Una volta tornata a casa però non sapevo cosa farmene di tutti quei semini. Mi compariva continuamente davanti la faccia di mio nonno che mi suggeriva “questo è il mangiare …

Twin Peaks ritorna 

Twin Peaks ritorna. Stasera su Sky andrà in onda  la prima puntata della terza stagione di questa serie di grande successo degli anni ’90. Una colonna sonora accattivamente e per molti versi spettrale accompagnava le indagini sull’omicidio di Laura Palmer. Lei, apparentemente perfetta adolescente americana, viene ritrovata morta da un pescatore sulle rive di un fiume. Chi ha ucciso Laura Palmer? Ce lo siamo chiesto per settimane. Ma quello che ricordo bene di questa serie è ben diverso ed è questo che mi fa dubitare se, ventisette anni dopo, mi accingerò a vedere questa terza stagione di Twin Peaks. Adesso mi viene da ridere a ripensarci, ma a me Twin Peaks ha messo una paura da matti! Talmente tanta da essere diventata una di quelle storie che si continuano a raccontare a Natale o alle reunion di amici Da sempre appassionata di thriller, mi ero accostata a questa serie con curiosità e impegno. Avevo anche un certo debole per l’agente Cooper (smorzato poi con la sua figuraccia a Sex and the City) e per lo …

Hygge: reimpariamo la felicità

Voglio essere felice, anzi no, mi basterebbe essere sereno. Quante volte abbiamo pronunciato o sentito dire queste parole?  La felicità è diventata un desiderio, di quelli che si esprimono quando all’improvviso vediamo una stella cadente o quando si spengono le candeline. Qualcosa che si rincorre, ma che ogni volta rimane ad un passo da noi. Certamente, se la nostra felicità dipende dal diventare milionari o dallo sperare di sposare una stella del cinema, allora c’è un gran lavoro da fare e si rischia di non raggiungere il risultato. Ma se invece la felicità che aneliamo è fatta di lentezza, armonia, stare con le persone che amiamo, ritrovare piacere nelle piccole cose della vita, allora basta solo volerlo. I danesi chiamano questa ritrovata felicità, fatta di cose semplici, higge. È una strana parola che pare si pronunci huga, ma che ha fatto del popolo danese quello più felice del mondo. Saremo anche il paese d’o sol e d’o mar, ma a quanto pare in Danimarca la sanno più lunga di noi sulla felicità. Per i danesi la felicità …

La ragazza del treno, il film

Ieri sera sono andata alla prima de La ragazza del treno. Ero davvero curiosa di vedere come era stato adattato per il grande schermo questo libro che mi era tanto piaciuto. Ero curiosa sì, ma anche titubante. Non sempre le trasposizioni cinematografiche riescono a restituirci i personaggi che abbiamo costruito nella nostra immaginazione durante la lettura. Il libro l’ho letto la scorsa estate. Ero in attesa di Viola e in quei mesi ho letteralmente divorato montagne di libri. Per una volta mi sono fatta incantare dall’isola che nelle librerie raccoglie le novità del momento e l’ho acquistato. Opera prima di Paula Hawkins (in realtà è una giornalista e aveva scritto già due libri del genere chick-lit sotto lo pseudonimo di Amy Silver), La ragazza del treno è stato un best seller specialmente in UK e in USA. E si sa, quando da quelle parti un libro è un successo editoriale, subito si produce un film.   La trama Rachel Watson ha 32 anni e ha problemi seri di alcolismo, che le costeranno anche il lavoro, in seguito alla fine …