All posts filed under: Simona ♥

Twin Peaks ritorna 

Twin Peaks ritorna. Stasera su Sky andrà in onda  la prima puntata della terza stagione di questa serie di grande successo degli anni ’90. Una colonna sonora accattivamente e per molti versi spettrale accompagnava le indagini sull’omicidio di Laura Palmer. Lei, apparentemente perfetta adolescente americana, viene ritrovata morta da un pescatore sulle rive di un fiume. Chi ha ucciso Laura Palmer? Ce lo siamo chiesto per settimane. Ma quello che ricordo bene di questa serie è ben diverso ed è questo che mi fa dubitare se, ventisette anni dopo, mi accingerò a vedere questa terza stagione di Twin Peaks. Adesso mi viene da ridere a ripensarci, ma a me Twin Peaks ha messo una paura da matti! Talmente tanta da essere diventata una di quelle storie che si continuano a raccontare a Natale o alle reunion di amici Da sempre appassionata di thriller, mi ero accostata a questa serie con curiosità e impegno. Avevo anche un certo debole per l’agente Cooper (smorzato poi con la sua figuraccia a Sex and the City) e per lo …

Hygge: reimpariamo la felicità

Voglio essere felice, anzi no, mi basterebbe essere sereno. Quante volte abbiamo pronunciato o sentito dire queste parole?  La felicità è diventata un desiderio, di quelli che si esprimono quando all’improvviso vediamo una stella cadente o quando si spengono le candeline. Qualcosa che si rincorre, ma che ogni volta rimane ad un passo da noi. Certamente, se la nostra felicità dipende dal diventare milionari o dallo sperare di sposare una stella del cinema, allora c’è un gran lavoro da fare e si rischia di non raggiungere il risultato. Ma se invece la felicità che aneliamo è fatta di lentezza, armonia, stare con le persone che amiamo, ritrovare piacere nelle piccole cose della vita, allora basta solo volerlo. I danesi chiamano questa ritrovata felicità, fatta di cose semplici, higge. È una strana parola che pare si pronunci huga, ma che ha fatto del popolo danese quello più felice del mondo. Saremo anche il paese d’o sol e d’o mar, ma a quanto pare in Danimarca la sanno più lunga di noi sulla felicità. Per i danesi la felicità …

La ragazza del treno, il film

Ieri sera sono andata alla prima de La ragazza del treno. Ero davvero curiosa di vedere come era stato adattato per il grande schermo questo libro che mi era tanto piaciuto. Ero curiosa sì, ma anche titubante. Non sempre le trasposizioni cinematografiche riescono a restituirci i personaggi che abbiamo costruito nella nostra immaginazione durante la lettura. Il libro l’ho letto la scorsa estate. Ero in attesa di Viola e in quei mesi ho letteralmente divorato montagne di libri. Per una volta mi sono fatta incantare dall’isola che nelle librerie raccoglie le novità del momento e l’ho acquistato. Opera prima di Paula Hawkins (in realtà è una giornalista e aveva scritto già due libri del genere chick-lit sotto lo pseudonimo di Amy Silver), La ragazza del treno è stato un best seller specialmente in UK e in USA. E si sa, quando da quelle parti un libro è un successo editoriale, subito si produce un film.   La trama Rachel Watson ha 32 anni e ha problemi seri di alcolismo, che le costeranno anche il lavoro, in seguito alla fine …

Serata a teatro: Una fidanzata per papà

Capita che una sera d’estate sei in spiaggia per un aperitivo con gli amici ed uno di loro ci presenta una persona gentile e solare. Capita che quella  persona cominci a raccontare della sua passione per il teatro e che finisca col confidare a tutti che ha appena terminato di scrivere una sua pièce. La curiosità è tanta e si finisce col convincerlo a rivelarci un po’ della trama. La serata finisce ed è d’obbligo la promessa di rivederci per la messa in scena della commedia. E così, dopo qualche mese, il progetto del nostro amico autore, Piero Moriconi, ha preso corpo e la sua commedia,dal titolo Una fidanzata per  papà, è in scena al Teatro Tirso de Molina di Roma fino al 30 ottobre. Non potevamo mancare e ieri sera siamo andati finalmente a vedere lo spettacolo di cui la scorsa estate avevamo sentito parlare con tanta passione. Nonostante abbiamo scelto la sera in cui si sono ripetute diverse scosse di terremoto, tra  l’altro una pochi minuti dall’inizio dello spettacolo, che hanno reso un po’ nervosi …

Vellutata di porri e patate con crema di Brie

Comfort food: Vellutata di porri, patate e crema di Brie

Oggi c’è un bel cielo grigiastro tipicamente autunnale. Non sto scherzando, questo tipo di luce mi piace molto. Sarò strana, ma a me mette energia,voglia di fare, organizzare, pensare. È un tipo di luce che mi regala la tranquillità necessaria per fare le cose bene, direi quasi in modalità Zen. Devo precisare che al cielo plumbeo che vedo dalla mia finestra non corrisponde nessuna temperatura tipica di fine Ottobre. Indosso una t-shirt a maniche corte e, se non avessi fatto il cambio di stagione, avrei tranquillamente potuto indossare un paio di sandali. Alle 8.00 di stamattina c’erano già 22 gradi. Non abbiamo proprio da lamentarci qui a Roma. Ho già scritto più volte che cucinare non rientra tra le mie grandi passioni, ma, se mi applico, riesco a tirar fuori dal cappello a cilindro qualcosa di buono e a volte anche creativo. In ogni caso la mia è davvero una cucina semplice, veloce, insomma #fordummies. Per realizzare questa profumata e gustosa vellutata di porri, patate e crema di Brie occorrono: 2 porri 2 patate medie …

Il mio primo Vlog!

Buongiorno e buona settimana a tutti. Oggi vi presento il mio primo Vlog. Domenica siamo stati al laghetto dell’EUR dove per tutto il fine settimana si è svolto lo GNAM, il Festival Europeo del cibo di strada. Questa di Roma è stata l’ultima tappa di un tour gastronomico che durante l’estate ha toccato anche Martina Franca, Catanzaro e Trani. Prelibatezze di ogni genere. Io dopo anni ho finalmente avuto l’opportunità di gustare un panino col lampredotto nello stand dedicato alla cucina toscana. Per digerire, approfittando anche della giornata di sole, abbiamo fatto una passeggiata intorno al lago, dove un equipaggio si allenava con una dragon boat. Che spettacolo! Spero che il video vi piaccia e che perdoniate la mia voce terrorizzata. La telecamera mi mette un po’ di soggezione.