All posts tagged: io e viola

Modern family secondo Viola

Sabato mattina del lungo lockdown da coronavirus. Viola ha messo in campo tutta la sua collezione di cani di peluche (al momento sostituiscono egregiamente il cane in carne ed ossa che da tempo desidera). “Mamma, mamma, guarda! Ho costruito una casa per i cagnolini. Bella (la borboncina chic con pelo bianco e rosa) è sposata con Snoopy. Al matrimonio lei gli ha regalato un cappello da baseball”. “ Guarda che carini i figli, mamma! tutti uguali a Snoopy Snoopin!” Ma c’è qualcosa che non le quadra, ci sono due piccoli husky, da dove saranno usciti fuori? Lei mi guarda pensosa, va in camera, cerca nel suo cesto e torna trionfante con un husky più grande “ecco il marito di Bella, mamma. È il papà degli huskini!” Io la guardo perplessa “ma Viola, Bella non era sposata con Snoopy?”. “Certo mamma, ma a Bella non piaceva più Snoopy e si è sposata con Husky. Ora vivono tutti insieme con i loro piccolini e si vogliono bene”. Perfetto.

Auguri Viola

Mia piccola Viola, oggi è il tuo primo compleanno. Questi 365 giorni sono passati in un battibaleno e ringrazio le mille migliaia di foto che ti ho scattato giorno dopo giorno perché adesso non mi ricordo già più come era tenerti in braccio quando eri piccola piccola. Hai solo un anno, ma hai fatto già tante esperienze. Ti sono spuntati i primi dentini, hai avuto la tua prima febbrona seguita dalla Sesta Malattia. Hai completato il tuo primo ciclo di vaccini senza pianti isterici. Sei stata al mare, hai assaggiato la sabbia e l’acqua salata, hai fatto il bagnetto sulla riva. Ti abbiamo portato in montagna, al lago, hai scoperto che oltre ai bà ci sono anche coniglietti, galline, pecore e mucche. Hai conosciuto l’orso e il lupo. Sei una vera buongustaia e anche se non puoi fare a meno del latte, ti piace assaggiare tutto quello che ti passa sotto il naso. Per la gioia di nonno Alberto, preferisci mangiare pesce. In questo ultimo mese sei riuscita a staccarti da me. È stato difficile, abbiamo …

La prima estate in viaggio (in auto) con Viola

Di quest’estate porterò molti ricordi. Come al solito abbiamo trascorso un paio di settimane sulle spiagge abruzzesi, circondati da parenti e amici, e poi ci siamo diretti sui monti del Trentino. Ricordi speciali, quelli di quest’anno, perché nella nostra famiglia c’è una “vacanziera” in più: Viola. Sarà anche piccola, ma ci ha rivoluzionato anche il modo di fare vacanza. Per cominciare è cambiato il numero di valigie da caricare sull’auto. Devo dire che con due valigie medie noi ce la siamo sempre cavata. Negli anni ho capito che era inutile portarmi dietro tutto l’armadio quando poi indossavo poche cose. Un po’ più difficile è stato rinunciare a portare le scarpe, ma sto migliorando. Questa era la situazione fino allo scorso anno, ma ora con Viola tutto è cambiato. Per cominciare ho dovuto preparare due valigie differenti per noi, una per il mare (che abbiamo lasciato in deposito in Abruzzo quando siamo partiti per la montagna) e una per i monti. Poi ho preparato i bagagli di Viola: trolley con vestiti e intimo, borsa con pannolini, necessaire …

Ma che fine hanno fatto i Tokyo Hotel?

Oggi vi racconto di come il non dormire quelle belle 6/8 ore di seguito abbia effetti allucinogeni sulla mia testolina. L’arrivo di Viola, ormai 7 mesi fa, mi ha (anzi per dirla tutta, ci ha!) messo a dura prova. Quel piccolo esserino di meno di 2,5 kg ha sconvolto completamente la nostra vita notturna.  Prima c’è la poppata ogni 3 ore che, finché è giorno passi, ma la notte ti destabilizza un po’ soprattutto quando decidi che “è l’una, ha appena finito di mangiare, adesso deve rimangiare alle tre, quasi quasi non mi addormento!” Eh, sì, perché volevi fare Wonder Woman, tranne poi cadere come un sasso pochi minuti prima dell’ora X e svegliarsi di soprassalto alle 3.05 e correre a preparare il biberon. Biberon? Purtroppo sì, questa mamma snaturata è riuscita a produrre nella sua onorata carriera un totale di 20 ml di latte. Insomma avere la terza di reggiseno non è garanzia di allattamento e quindi via di latte artificiale. Poi le 3 ore di intervallo diventano 4 e poi 5, poi di …

Mezzo anno è già passato

Ciao. Sono Viola. È un po’ che non vi racconto di me, ma ho davvero molto da fare. Lunedì compirò già 7 mesi e, dall’ultima volta che mi sono fermata a scrivere, sono successe talmente tante cose che mi sono dimenticata di fare il punto della situazione. Devo essere sincera, in questi mesi sono diventata più carina. Mamma e papà mi hanno sempre detto che ero bella, ma, riguardando le foto, non mi sembra che nei miei primi mesi di vita fossi la più bella del Reame. Pochi capelli, la pelle sulla fronte sempre un po’ secca, quegli occhi indefiniti! Ora invece i capelli mi sono cresciuti, sono tra il rosso e il biondo, infatti papà mi dice che sono la sua irlandesina. Gli occhi sono definitivamente blu e la mia pelle è sempre tanto bianca. La mia mamma dice che sono trasparente, ma a me non sembra, io non vedo nulla se guardo attraverso la mia mano! La mia mamma dice anche che sono una falsa magra perché ho delle coscette con tante pieghe, …

Regina di ghiaccio per un giorno

Quando si parla di principesse, regine, corone e reami sono sempre tutta orecchi. Quando ho saputo che avrei potuto addirittura sedermi su un trono, allora non sono stata più nella pelle. Ma non parliamo certo di un trono qualsiasi. Il trono sul quale ho avuto il piacere di sedermi era quello del film Il cacciatore e la regina di ghiaccio in uscita nelle sale il 6 aprile. Il cacciatore e la regina di ghiaccio    Il film si basa sulla favola di Biancaneve dei fratello Grimm ed è il prequel di Biancaneve e il cacciatore. Protagoniste sono la regina Ravenna, la matrigna di Biancaneve, e sua sorella Freya, interpretate rispettivamente dalla superba Charlize Theron e da Emily Blunt. Anche vedendola nei panni della regina di ghiaccio, non posso fare a meno di pensare ad Emily Blunt nella sua interpretazione dell’assistente di Meryll Streep ne Il diavolo veste Prada, in particolare quando dice “Sto facendo una nuova dieta. È molto efficace. Praticamente non mangio niente. Quando sento che sto per svenire butto giù un cubetto di formaggio. …